Maraia di Magdala | L’Amore che ha vinto la morte

Fu la donna che visse nella morte e ne sperimentò tutta la sua forza distruttrice.Visse in essa finche non incontrò l’Amato, l’Amore fatto carne, Gesù il Figlio dell’Altissimo.

Lui la liberò da quel potere soffocante e la rimise al mondo, la fece testimone dell’amore che salva.

L’evangelista Marco ricorda come Gesù: “Risuscitato al mattino nel primo giorno dopo il sabato, apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva cacciato sette demòni.
Questa andò ad annunziarlo ai suoi seguaci che erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo ed era stato visto da lei, non vollero credere” (Mc 16, 9-11).

Apparve prima a lei.. la peccatrice salvata, l’imperfetta divenuta discepola.
Così, la liberata ricevette la grazia di incontrare di nuovo la vita nuova, l’Amore Risorto.
Ancora una volta e prima di ogni altro discepolo, Maria sperimentò la potenza di quell’Amore che vince ogni morte, ogni lutto e ogni pianto e che non resta passivo ma spinge all’annuncio, alla testimonianza.

Salvata, liberata, amata, divenne a sua volta una donna che salva, che libera, che ama.
L’Amato fu tutto per lei e lei tutto per l’Amato. Maria non si fermò nell’amore, camminò in esso, nutrendo la sua fede e diventando vita vera.

Apparve prima a lei…

Non un apostolo, non un discepolo, ma una convertita fu la prima testimone della vittoria dell’amore sulla morte.

E lei, Maria di Magdala ci continua a ricordarci la forza di quell’amore:

“Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio perché forte come la morte è l’amore
tenace come l’inferno è lo slancio amoroso.  Le sue vampe sono fiamme di fuoco
una fiamma del Signore” (Ct 8,6-7).

Anche noi, oggi, dopo duemila anni, possiamo sperare ancora nell’Amore di Dio, perché sappiamo che è più forte della morte e lasciarsi abitare da questo Amore è essere in vita.
la morte, che tutto distrugge, che spezza ogni vita trova in quell’Amore il nemico capace di resisterle e di sconfiggerla.

Alla fine solo l’Amore, l’Amato e l’Amante resta.

alla fine solo chi ama risorge e senza amore – quello divino – siamo già nella morte.

Apparve prima a lei..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *