Seneca spiega a Lucillo perché vivere insieme è molto di più che leggere uno scritto | Citazioni

“Ti manderò dunque dei libri, e, perché tu non faccia molta fatica a cercare i passi che possono giovare, metterò dei segni, perché tu arrivi subito ai passi che approvo e ammiro.

Però, più che un discorso scritto, ti gioverà la mia voce e il vivere insieme; bisognerebbe che tu venissi sul posto, prima di tutto perché gli uomini credono più ai loro occhi che alle loro orecchie, poi perché il cammino è lungo attraverso i precetti, breve ed efficace attraverso gli esempi.

Cleante non avrebbe potuto esporre compiutamente l’insegnamento di Zenone se avesse soltanto ascoltato le sue lezioni: partecipò alla sua vita, ne penetrò i segreti, osservò se viveva secondo i suoi insegnamenti.

Platone ed Aristotele, con tutta la moltitudine dei filosofi che avrebbero poi seguito strade diverse, impararono più dalla condotta che delle parole di Socrate, non la scuola di Epicuro, ma il vivere con lui rese grandi Metrodoro ed Ermarco e Poleno. E non ti faccio venire soltanto perché tu ne tragga giovamento, ma anche perché tu mi dia giovamento; ci gioveremo moltissimo a vicenda”.

 

(Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucillo, Lettera VI: l’amicizia e la comunione di vita)лучший игровойместа во львове которые стоит посетитьбеспроводной жесткий дискноутбукиintercombasecnfnbcnbrf ckjdfbconsult.ruконсульство австриив вуз

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *