La storia di Dio e l’altra di Cesare | Pensieri

Nel Vangelo di Luca ci viene narrato il viaggio di Maria e Giuseppe verso la “città di Davide chiamata Betlemme”. É questo un viaggio causato da una legge umana, un decreto di Cesare Augusto che vuole fare censimento, vuole contare i suoi sudditi.

Ma ciò che mi stupisce è il fatto che tale “legge umana” voluta non certo da un santo e che coinvolge moltissima gente, in realtà permette a quel Dio che governa segretamente tutta la storia degli uomini, di attuare le sue promesse. Dio compie la sua storia.

Egli aveva detto secoli prima: ” E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda: da te uscirà infatti un capo che pascerà il mio popolo, Israele. “. E così accade. Inesorabilmente.

Cesare decreta, ma Dio compie la sua parola. Il potere umano afferma se stesso, ma quello di Dio beffardamente lo usa per compiere qualcosa di suo. Dio è infatti più forte di Cesare, e le sue leggi si compiono infallibilmente.

Così la fede cristiana è ben fondata sulla fedeltà di Dio. Le sue parole si compiono sempre, bisogna solo attenderle. Cielo e terra passeranno ma le sue parole non passeranno mai. Allora tutta la tracotanza umana è messa da parte. A noi non resta altro che capire ciò che è vera parola di Dio per non fidarci di ciò che parola di Dio non è.

Possa quel Dio che è causa di ‘stupore’ di sua Madre, di Giuseppe, dei pastori, dei Magi e persino degli angeli, inondare di stupore l’intera nostra vita e darci la stessa beatitudine di Maria che è beata perché a creduto nel compimento della Parola (Lc 1,45).

 oltatravellegal englishмагазины ноутбуков в москвеноутбук lenovoнаружная реклама москва ценыпродвижение сайтов самостоятельноинтернет магазин играspanish to english video translationпневмогайковерт sumake

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *