Breve trattato sull’amicizia vera | Aelredo di Rievaulx (a. 1110 – 1167)

Aelredo di Rievaulx, fu in monaco inglese che scrisse un piccolo e fortunato trattato sull’amicizia.

Con l’aiuto delle sacre Scritture (e di alcuni scritti sull’amicizia di Cicerone) precisò i tre fondamentali tipi di amicizia: quella carnale, quella mondana ed infine spirituale.

L’amicizia spirituale, la perfetta amicizia, scrive: “nasce tra i buoni, progredisce tra i migliori, raggiunge la perfezione tra i perfetti”.

Per il monaco Aelredo, la vera amicizia, non esiste mai senza la carità e, appunto perché umana ed insieme anche proviene da una grazia che Dio concede a coloro che lo temono, unisce perfettamente eros e agape, ragione e sentimento, rimanendo tuttavia sempre una scelta personale che si realizza con cura e dopo aver superato una prova.

Scrive Aelredo nel tratto sull’amicizia spirituale: “Noi non siamo tenuti ad accogliere nella nostra amicizia tutti quelli che amiamo, perché non tutti ne sono capaci. L’amico infatti è lo sposo dell’anima tua, e tu unisci il tuo spirito al suo. coinvolgendoti al punto di dover diventare con lui una cosa sola; a lui ti affidi come a un altro te stesso. niente gli nascondi e nulla hai da temere da lui. Se si ritiene che qualcuno sia adatto a tutto questo, bisogna prima sceglierlo, poi metterlo alla prova, infine accoglierlo. L’amicizia, infatti, deve essere stabile, quasi un’immagine dell’eternità, e rimanere costante nell’affetto.”

Inoltre l’abate consiglia cosa propriamente evitare nell’amicizia:

occorre evitare rapporti amicali con irascibili – che infondono insicurezza nel rapporto, chiacchieroni – che distruggono la serietà del rapporto – e sospettosi veri distruttori della tranquillità.

Infine spiega cosa può rovinare un buona amicizia:

l’invettiva; cioè discorso cattivo e violento, l’oltraggio che è quell’offesa grave contro l’onore, l’arroganza ovvero il senso di superiorità verso l’altro che si manifesta in discorsi e gesti concreti, la rivelazione di segreti e ovviamente la denigrazione fatta alle spalle.

Così per Aelredo: “la fonte dell’amicizia è l’amore perfetto. Non un amore qualsiasi, ma quello che procede insieme dalla ragione e dal sentimento, amore che la ragione rende casto e il sentimento fa dolce”, ed il guadagno dell’amicizia altro non è che soffrire e faticare l’uno per l’altro, nel trovare dolce dimenticare se stesso a favore dell’elettro e nel preferite la volontà dell’altro alla propria… nel pregare l’uno per l’altro; e un amico che prega Cristo per conto dell’amico, e desidera essere esaudito da Cristo  per amore dell’amico, finisce per dirigere su Cristo il suo amore ed il suo desiderio.

Aelredo di Rievaulx, L’amcizia spirituale. Qui trovi il testo intero.планшет аксессуарыраскрутка и продвижение сайтоввидеокамеры наружныепланшет самсунг57рейтинг сайта проверитьlegal service translationкакие планшетыформа для спортзала

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *