Analogia Lucis | Riccardo di San Vittore (1110 – 1173)

A nessuno, peraltro, potrebbe apparire impossibile che vi sia un essere eterno il quale, tuttavia, non sia da se stesso, così come è necessario che la causa preceda sempre l’effetto ed ogni essere che deriva da un altro deve sempre tener dietro al suo principio.

Il raggio di sole evidentemente, procede dal sole e da questo trae origine; pur tuttavia, esso esiste contemporaneamente al sole.

In effetti, il sole, da quando è esistito, ha emanato da sé il raggio e non è esistito in nessun momento senza il raggio.

Se allora questa luce fisica ha un raggio contemporaneo a sé, perché quella luce spirituale e inaccessibile non dovrebbe avere un raggio eterno come lei?

Nella natura creata vediamo riflessoci che dobbiamo giudicare e ritenere sulla natura increata. Ogni giorno possiamo osservare come, per opera della natura stessa, un’esistenza produce un’esistenza e da un’esistenza procede un’esistenza.

E allora? forseché in quella natura sovveniente l’opera della natura non vi sarà affatto, o risulterà assolutamente impotente? Quella natura, dopo aver donato il frutto della fecondità a questa matura nostra rimarrà forse del tutto sterile in sé? Lei che concede agli altri la generazione, resterà senza generazione e sterile?

Da tutto ciò dunque, appare verosimile che in quella immutabilità sovraessenziale,  esista un essere che non sia da se stesso e che sia esistito da sempre.

Riccardo di san Vittore, La Trinità, Città Nuova, Roma 1990, 89

 интернет магазинникас меню харьковновинки ноутбуковандроид смартфоныtranslation businessраскрутка сайта самостоятельно в googleсколько стоит реклама в интернетепозиция сайта в поиске googleвыбрать инверторный генератор

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *