Cercare nell’amore, trovare il fondamento

Quell’atteggiamento della ragione di trovare un fondamento ultimo, il punto di partenza alle cose che ci succedono come pure alle cose del mondo non è mai sopito nel nostro cuore.  Davanti alle mille domande che la ragione solleva davanti a fatti e persone, davanti alla ricerca nel mondo e nello scorrere del tempo del senso del nostro andare, ogni punto luminoso che può illuminarci e farci capire, ci appare carico di un senso di pace e di consapevolezza che mette ordine nella disordinata casa del nostro cuore.

Ma nella fede cristiana, la fede del Gesù crocifisso e risorto, il Logos eterno del Padre, si trova un’altra prospettiva di approfondimento. Se il  fondamento di tutto è il Dio che ha creato ogni cosa visibile e invisibile, sappiamo anche che quel Dio fondamento di tutto è Amore. La luce che cerchiamo perciò è quella che proviene dall’Amore. Così mentre la ragione può e deve cercare cause, giustificazioni, motivi interni all’esistenza, la fede guarda anzitutto verso l’Amore, verso Dio, punto di partenza di ogni cosa.

D’altra parte il nostro cuore sa bene che incontrare oggetti e persone senza entrare in relazione di verità con essi, non produce nessun cambiamento di direzione alla nostra esistenza, mentre incontrare l’Amore che pervade ogni cosa, riempie l’intimo di dolcezza e motiva il nostro cambiamento.

In altre parole la ricerca abitata dall’amore diventa il motivo della nostra gioia interiore e lo spazio del nostro cambiamento.

Questa semplice verità – perché le prime verità non possono che essere semplici e chiare – trasforma il nostro sguardo come pure quello sul mondo. Entrare nell’Amore per comprendere così visibile ed invisibile, significa giungere al cuore di ogni ingresso nella verità.  Entrare nell’amore è arrivare pienamente nel luogo del rispetto, del non-possesso, dell’assecondare quel legalismo interno e proprio di ogni ente che motiva ogni partecipazione solidale alle cose del mondo e fa abitare la bellezza del mondo senza perdere il suo fondamento di senso.

Entrare in questo Amore è trovare pace.

Così se l’assoluto inizio è Amore – amore teologicamente inteso – chi inizia ad amare (secondo Dio) trova la roccia forte su cui costruire la propria casa, trova il centro della sua esistenza. Non è un caso infatti che i grandi drammi della esistenza umana sono soprattutto quelli in cui l’amore è stato distrutto e con esso il nostro fondamento. Non è difficile capire che gli amori falliti, traditi, ingannati, sfruttati, rivelano la bassezza dell’Humanum mentre al contrario l’esistenze riuscite, l’esistenze felici sono proprie quelle in cui l’amore – teologicamente inteso – è ricevuto, rispettato, donato, vissuto nella verità del suo apparire in Cristo Gesù.

San Giovanni Apostolo ha scritto che Dio è Amore.. chi resta in quell’amore trova lì il suo senso ed il suo fondamento.

Tutto qui.стоимость игровыхновости банковmicrosoft surface book 128gbпланшеты самсунгlegal translation servicesопределить позицию в поисковикеалександр лобановский досьеmac косметика киев купитьteplovoy-service.ru

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *