La strana matematica dell’amore umano | San Giovanni Crisostomo (349 d. C. – 407 d. C.)

“I giovani sposi vogliono divenire un solo corpo. Ecco il nuovo mistero dell’amore! Se i due non diventano una sola cosa, finché rimangano in due, non possono produrre molti uomini, ma appena si congiungono in unità, si moltiplicano.

Che cosa impariamo da ciò?

Che nell’unione c’è una grand forza.

Lo spirito creatore all’inizio ha diviso l’uno in due, e volendo mostrare che lo stesso, anche dopo la separazione, rimane ancora una solo, non ha permesso che uno solo bastasse alla generazione. Infatti colui che non è ancora congiunto in matrimonio non è uno, ma soltanto la metà di uno; ed è evidente che egli non può riprodursi, come non lo poteva prima della divisione.

Hai visto quale mistero è il matrimonio?

Da un uomo Dio ha fatto ancora uno, ed avendo fatto nuovamente dei due un solo, ristabilisce così l’uno, sicché anche l’uomo nasce ora da uno. Infatti maschio e femmina non sono due uomini ma un solo uomo”

San Giovanni Crisostomo, Omelia in Colossesi, 12,5продвижение сайта отзывыtranslate document onlineноутбук какой фирмы лучше купитьвафельницы ru topodinрегистрация в каталогах сайтавиды укладки паркетаотзывы топодиндетскіє ігри

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *