Costruire l’invisibile in noi

La vera arte del pastore è la costruzione dell’invisibile. Costruire l’invisibile luce nel cuore dell’uomo fino a far apparire in lui il bene, il vero ed il santo. Rimango sempre stupito e commosso quando percepisco quel silenzio carico di bellezza e ravvedimento dopo un’omelia, una catechesi, una conversazione spirituale, in cui…

Cercare nell’amore, trovare il fondamento

Quell’atteggiamento della ragione di trovare un fondamento ultimo, il punto di partenza alle cose che ci succedono come pure alle cose del mondo non è mai sopito nel nostro cuore.  Davanti alle mille domande che la ragione solleva davanti a fatti e persone, davanti alla ricerca nel mondo e nello scorrere del tempo del…

La strana matematica dell’amore umano | San Giovanni Crisostomo (349 d. C. – 407 d. C.)

“I giovani sposi vogliono divenire un solo corpo. Ecco il nuovo mistero dell’amore! Se i due non diventano una sola cosa, finché rimangano in due, non possono produrre molti uomini, ma appena si congiungono in unità, si moltiplicano. Che cosa impariamo da ciò? Che nell’unione c’è una grand forza. Lo…

La luce generata dal Verbo | Pensieri

É profondamente simbolico il fatto che la prima creazione di Dio sia la luce. Primogenita di tutte le cose create. Il popolo d’Israele, pian piano, nella sua progressiva conoscenza del Dio che l’ha liberato dalla schiavitù d’Egitto, ha scoperto questa grande verità e l’ha fissata nelle prime righe del libro…

Soprannaturale: una parola dimenticata

Lo abbiamo nuovamente dimenticato. Il cristianesimo non è qualcosa che viene dalla terra dal basso, esso ha come suo cuore pulsante la forza della grazia, quella che noi chiamiamo grazia soprannaturale. É lui, lo Spirito Santo, il vincolo di unità tra Padre e Figlio, il Dono che comunica agli inermi la forza del…

Predicare Cristo| Jean Leclercq (1911 – 1939)

“Il predicatore della parola di Dio deve possedere cinque caratteristiche. Primo: deve avere autorità per parlare. Il predicatore infatti, non deve dire parole sue ma le parole del Signore e quelle che a lui il Signore suggerisce. Secondo: rettitudine d’intento, perché abbia merito, dato che il predicatore non deve mirare…