Il problema, la domanda doppia, la luce di Dio

C’è una fondamentale differenza tra individuare un problema e porre una domanda. Come c’è differenza tra attendersi delle conseguenze necessarie e scoprire una nuova visione del mondo e della storia che diventa una grande luce per le nostre scelte quotidiane.

Ma mentre ai problemi, come intoppi nella grande macchina della vita, ci siamo più o meno abituati alle domande abbiamo perso l’abitudine. Ai problemi infatti ci si rivolge con apprensione e a volte con preoccupazione, perché la direzione del cammino si è – per così dire – rallentata o interrotta, poiché la vita non è più come dovrebbe essere. Mentre le domande possono benevolmente essere accantonate.

Ma se procediamo sempre così, vivendo secondo necessità mancate o attuate, il nostro mondo non può essere governato veramente. Esso ci sfugge di mano, anzi, si allontana da noi e noi diventiamo un’ingranaggio di esso. Noi non siamo più, come dice Genesi, signore del creato. In quel libro l’uomo non è appiattito sullo stesso livello del mondo ma è il Signore stesso a definire il suo rapporto con la ‘terra’ chiedendo di: “soggiogarla e dominarla” (cf. Gn 1,28). L’uomo, sempre secondo Genesi, è colui che dona il nome a cose e animali (cf. Gn 2,19) è cioè è padrone e signore di ogni essere vivente. Padrone e Signore secondo l’ordine stabilito dal creatore.

Ecco perché la domanda è molto più che la scoperta di un problema.

Domandarsi, chiedersi circa il senso delle cose e della loro esistenza, come pure chiedersi dell’andamento attuale della storia, significa non lasciarsi dominare mai dagli eventi, ma seguendo la luce dello Spirito, aprirsi al nuovo che ancora non è sulla terra. I santi e persino i martiri, hanno avuto questa forza.

Ora c’è un domandarsi che attinge ad una duplice ‘luce’.

C’è quello che proviene dalla sola ragione (lumen rationis appunto) e quello che non attinge solo dentro di noi, ma nasce dal confronto con quella luminosità insita nell’intera storia della salvezza e fissata nella parola scritta di Dio. Qui ogni domanda si amplifica e si approfondisce , qui il lumen rationis si amplifica e si approfondisce nel lumen fidei.

Ora domandarsi è come respirare con due polmoni, e diventa un guardare verso vie nuove che i problemi in sé non vedono ne  presuppongono. Si raggiunge così la possibilità di superare  quella direzione interna propria delle necessità o alla routine della ripetitività dei gesti. Questo tipo di domanda, intessuta di ratio e di bibbia, dona gioia al cuore e luce agli occhi, aprendo ogni buona razionalità al nuovo, perché dice sempre e molto più di ciò che il mondo vive e perciò dice.

Nel domandarsi alla luce di Dio abita il segreto delle nuove vie del cammino dell’uomo.

“Questo è uno degli aspetti più preoccupanti della cultura contemporanea che è al tempo stesso ricchissima e povera; ricchissima di problemi, di discipline, di indagini, di risultati, di prospettive ma povera di domande, povera di consapevolezza filosofica, povera di profondità” (Carlo Sini)

мунтянrussian tolenovo vibe p1m mini blackленово купитьparta мониторинг позиций сайтаасус планшет ноутбуканализ страховыхдиагностика авто

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *