Perché non possiamo dirci cristiani

Ci sono momenti nella nostra vita in cui i nostri interessi non sembrano più essere quelli della propria anima. Momenti in cui tutto sembra racchiudersi in una continua ricerca del visibile, del concreto, del qui ed ora, mentre le cose dello spirito, le cose interiori pian piano perdono il loro valore…

Teologia della Parola | Don Mik

In principio il Verbo “La Costituzione Dogmatica Dei Verbum è il grande affresco che, consegnatoci dal Concilio Vaticano II, ha reso visibile ai nostri occhi la bellezza e lo splendore del mistero della Parola divina affidata alla Chiesa. Parola comunicata perché tocchi il cuore di ogni uomo ed apra la…

In cammino verso il Verbo | Pensieri

Ciò che affascina e mi conquista della fede cristiana è il fatto che al centro di essa non ci sono “io”, ma il Cristo vivente, non il mio pensiero ma la ricerca della Gloria di Dio, quella Gloria che coincide esattamente con il mio bene. Mi conquista il fatto che più mi avvicino a…

Lui crescere io diminuire | Pensieri

Nel grande quadro del Caravaggio dal titolo: “la vocazione di san Matteo”, Pietro è raffigurato accanto a Gesù, il quale, con braccio teso, punta l’indice verso il pubblicano Matteo chiamandolo alla sua sequela. Anche Pietro ripete lo stesso gesto di Gesù, facendo così intendere che la missione della Chiesa altro non è che…

Quel che resta del Verbo | Pensieri

La parola umana unisce in sé due dimensioni. Da una parte è suono, voce e perciò tempo breve. Tu dici qualcosa e questo che dici resta vivo per pochi attimi, il tempo necessario perché l’orecchio colga il suo suono, la voce che dice…. ma poi tutto sparisce, torna il silenzio, torna ciò…

Segnalazione evento | 12 novembre – 27 maggio | Cosenza

Ore 18,30 – Presso la Chiesa di San Giovanni Battista in Cosenza (autostrada A3 uscita direzione Cosenza Sud) inizieranno un ciclo di catechesi sul Vangelo della domenica. Gli incontri, promossi dal Movimento Apostolico, a scadenza settimanale (ogni mercoledì) avranno una durata di 45 minuti ciascuno, termineranno nel maggio 2015 e sono aperti…

Polimathia

I Greci la chiamavano polimathia ossia conoscenza di concetti svariati senza organicità e legame interiore. Per il loro modo di pensare, il dire o il sapere molte cose non era affatto garanzia di un vero sapere, poiché questo godeva di compattezza ed armonia di relazioni. Anche per noi oggi, pronunciare molte parole, magari aggiungendo citazione…

La gioia del Sapiente

Nel libro di Yehoshua ben Sira (Siracide) c’è una piccola, ma interessantissima distinzione, che spiega la differenza tra gli uomini di scienza e i sapienti, tra persone che in vista di un potere di sottomissione del mondo visibile, aggiungono informazione ad altra informazione, continuamente, senza fermarsi mai, e gli uomini che pur usando quella…

Sui cambiamenti dell’anima umana| Panayotis Nellas (1936 – 1986)

“Questo è il caso di Adamo. Il progenitore non si mosse verso Dio, verso l’Archetipo e il suo  principio naturale, ma verso una direzione opposta. Il che capovolse, come era prevedibile, anche la funzionalità del suo organismo psicosomatico. Una volta spostato il punto di riferimento o di attrazione dell’uomo, non…

Perché la persona non è mai un clone| Romano Guardini (1885 – 1968)

“Essere-persona significa anzitutto auto-appartenenza nel numerico: sono uno; non posso essere raddoppiato. Essere persona significa anzitutto appartenenza nel qualitativo; sono costui; solo io sono questa persona. Non posso essere imitato; di me non può essere fatto un “caso”.  Ambedue queste forme di determinazione della persona, l’autoappartenenza numerica e qualitativa, l’irripetibilità e…