Perché Madre del Creatore? | John Henry Newman (1801 – 1890)

É il titolo che più di tutti gli latri noi avremmo ritenuto impossibile attribuire ad una creatura. A prima vista potremmo essere tentare di pensare che esso confonde le nostre idee essenziali sul Creatore e la creatura, su Colui che è eterno e coloro che sono nati nel tempo, su Colui che è sussistente e coloro che dipendono da un altro. Ma con una riflessione attenta e approfondita vedremo che non può essere rifiutato a Maria senza negare l’Incarnazione divina, cioè la grande e fondamentale verità della rivelazione: che Dio si è fatto uomo.

Questo si affermò fin dai primi tempi della Chiesa. I cristiani cominciarono presto a chiamare la Madonna Madre di Dio, perché videro che è impossibile rifiutare a lei questo fittolo senza rinnegare le parole di san Giovanni: “Il Verbo (cioè il Figlio di Dio) si è fatto carne”. E col passar del tempo si ritenne necessario precisare tale verità con la voce di un Concilio Ecumenico. Perché a causa dell’avversione che gli uomini hanno per i misteri, nacque l’errore secondo il quale il cristo non era realmente Dio, ma un uomo, in cui Dio abitò come abita in tutti i buoni, anche se in una maniera più completa: come lo Spirito Santo dimorò nei profeti, o ancora come Gesù stesso dimora nel tabernacolo della chiesa. E allora i vescovi e il popolo cristiano capirono che no c’era altra via, per arrestare quell’errore, che dichiarare distintamente, facendone un punto di fede, che Maria è Madre di Dio; no solo di Gesù in quanto uomo, ma anche di Gesù in quanto Dio.

Da allora tale verità è divenuta nella chiesa dogma.

Ma questo ci conduce a una veduta più ampia dell’argomento. Tale titolo è forse più meraviglioso del fatto che Dio, senza cessare di essere Dio, sia diventato uomo? In altre parole è più misterioso che Maria è Madre di Dio o che Dio si sia fatto uomo?

Per questa grande verità infatti noi diventiamo fratelli di Cristo Dio e se viviamo onestamente e moriamo in grazia, saremo innalzati a una gloria simile a quella degli angeli; i nostri corpi risorgeranno dalla polvere e verranno assunti in cielo; noi saremo uniti realmente a Dio; saremo partecipi della sua divina natura; ognuno di noi, in anima e corpo, sarà immerso nell’abisso di gloria che circonda l’altissimo; e infine vedremo il Signore e parteciperemo alla sua felicità secondo le parole del Vangelo: “Chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è mio fratello e mia sorella e mia madre” (Mt 12,50)

(John Henry Newman, “Meditation on the Litany of Loreto for the month May, In Meditation and Devotion, London 1964, 143)

 

 школа 1028строительные материалыasus rog g501vw fi135tпродажа ноутбуківtranslate word document from english to spanishреклама сайта в googleдц возрождениераскрутку сайтасветотехническое оборудование аэродромов

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *