Giustizia e Bellezza | Luigi Zoja (analista junghiano)

” Prima di tutto, noi non sentiamo tanto un interesse, quanto una – non completamente spiegabile – necessità di cercare la giustizia. La giustizia è ben altro che un sistema di regole esterne: si impone in noi dall’interno della personalità. Non solo è un bisogno originario, archetipo, è anche un bisogno che ha la precedenza sugli altri, e li subordina a sé. Nell’aspettativa di giustizia sopravvive dunque, in forma secolarizzata, il nucleo più importante della aspettativa religiosa: la ricerca del valore assoluto, cui tutti gli altri si subordinano.

[…] La giustizia che inseguiamo fa parte di una più generale ricerca del bene.  Nelle forme più antiche il bene assoluto era composto inseparabilmente da giustizia e bellezza. Ma è un vincolo perfettamente attuale: ancor oggi, per il nostro inconscio, far scempio della bellezza è massima ingiustizia. Le leggi cambiano con i tempi e i luoghi, ma restano impersonali e generali. La giustizia, invece, corrisponde a un bisogno universale, ma si manifesta in forme personali”.

 

( Zoja L., Giustizia e Bellezza, Bollati Boringhieri, 2007, 15)

 otz txmfx broker вывод средствчехол для телефона meizu m2 miniкупить ноутбукиjapanese languageопределение позицийплатная регистрация в каталогахenglish to german text translationсправка формы

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *